Burrata Pugliese: Acquista La Migliore Qualità | Negozio online
italian food products

Burrata Pugliese: Acquista La Migliore Qualità | Negozio online

Burrata Pugliese acquista la migliore qualità nel nostro negozio online

Burrata Italiana Pugliese

The Gretal Online Store che permette l’acquisto diretto dal produttore di prodotti alimentari che rappresentano le eccellenze della terra greca e italiana: feta greca, Yogurt, Olio extravergine di oliva, miele, olive kalamata, pasta di Gragnano, autentico pesto genovese, mozzarella di bufala, parmigiano reggiano , grana padano, pecorino romano, mozzarella di bufala campana dop, salame italiano, prosciutto di Parma DOP, vino italiano, limoncello, BURRATA PUGLIESE e tanti altri prodotti.

Burrata-Pugliese-Italiana

BURRATA PUGLIESE: Come e dove acquistarla.

Gretal è un’azienda di prodotti alimentari di alta qualità che si occupa dell’EXPORT di Burrata Pugliese . Inoltre il nostro Gretal Store ha la disponibilità di un’ampia selezione di Formaggi che possiamo spedire ogni giorno a casa tua direttamente dai nostri magazzini. Le nostre Burrate Pugliesi sono prodotte direttamente in Italia e distribuite dai nostri magazzini in tutto il mondo.

Cos’è la burrata pugliese.

La burrata è il risultato di quell’inventiva meridionale di riutilizzare e non sprecare nulla, in un mondo dove il cibo era sacro e c’era dignità anche nella miseria. Si tratta di un involucro di una morbida pasta di caciocavallo che racchiude un cuore di stracciatella, cioè cagliata filata di mozzarella e panna. L’idea è nata probabilmente dall’esigenza di riutilizzare i residui della cagliata filata, avanzati dalla lavorazione del caciocavallo e della mozzarella, e della panna che era un sottoprodotto dei latticini. Unendo le sfilacciature della pasta di mozzarella con la panna fresca, nasce la cosiddetta stracciatella. Questo morbido cuore è stato avvolto in una sfoglia di pasta filata, modellata a forma di caciocavallo.

Dove nasce la burrata e perché si chiama così.

La burrata è un prodotto caseario tipico pugliese, prodotto negli anni ’20 nella Murgia barese. In quegli anni il mastro casaro Lorenzo Bianchino Chieppa lavorava in un’azienda agricola nella zona di Castel del Monte di Andria. All’epoca si produceva già la manteca, altro antico prodotto caseario, costituito da un involucro di caciocavallo a pasta filata, condito e ripieno di burro.

Un po’ di storia.

Probabilmente dalla manteca, l’idea di sostituire il burro con la stracciatella. Nel corso degli anni la burrata si diffuse in vari caseifici della zona, e alcuni la conservavano in foglie di asfodelo, pianta perenne, già sacra agli antichi greci. Oggi, per rievocare questa tradizione, la burrata viene solitamente confezionata in una confezione a forma di foglia. Perché si chiama burrata? Non certo perché contenga burro, ma per il sapore “burroso”.

Burrata: come mangiarla.

La burrata può essere consumata da sola o abbinata a pomodori e insalata. All’assaggio presenta le tipiche note di latte e panna fresca. L’odore è intenso di latte e panna. Il sapore più persistente è quello dolce. Si percepisce anche il gusto aspro, sinonimo di freschezza. La struttura è elastica nella calotta esterna, mentre internamente è morbida e cremosa. Potete usare la burrata anche per insaporire alcuni piatti al posto del formaggio: pensate a una pasta mediterranea estiva condita con pomodorini datterini semi secchi, olio extravergine di oliva, burrata sfilacciata e basilico. Oppure abbinato a pasta e scampi o come secondo piatto, abbinato a cime di rapa e acciughe.

Burrata a dieta.

Vi starete chiedendo, ma con tutta quella panna la burrata non è molto grassa? Certo, è un formaggio ricco di calorie, ma il suo consumo va sempre confrontato all’interno del bilancio calorico giornaliero. La burrata è un “comfort food”, rappresenta l’idea di provare piacere e soddisfazione nel mangiare, facendosi coccolare ogni tanto. È chiaro che regalarsi una burrata significa anche fare da contraltare e rinunciare a qualcos’altro: uno spuntino, non accompagnarlo con altri alimenti calorici, preferendo le verdure.

Burrata e Colesterolo.

Poi, come già descritto nel post – “Tutti odiano il latte”, i grassi e le proteine dei formaggi, insieme al calcio e all’azione dei lattobacilli, formano nell’intestino saponi, cioè composti insolubili escreti in gran parte con me. Come è stato verificato come nei soggetti che consumano formaggio, i valori di LDL, colesterolo cattivo, sono inferiori rispetto a chi mangia singoli componenti estratti dal latte, come burro, panna o proteine ​​del latte presenti in molti cibi preparati e prodotti da forno .

Contatti.

Gli incontri possono essere organizzati in una delle nostre sedi o direttamente presso le più importanti fiere alimentari d’Europa. Puoi incontrare un manager Gretal e organizzare un incontro di lavoro alle seguenti fiere:
– CIBUS PARMA
– TUTTO IL FOOD MILANO RHO
Gretal Store ha un servizio clienti disponibile 24 ore al giorno. Puoi scrivere informazioni a info@gretalfoodproducts.com.

Recensioni

gretaladmin